Tempo di lettura: 6 minuti

Quali sono i rischi degli investimenti in borsa?

Perchè sono stato sempre reticente a investire i miei soldi? Il motivo principale credo fosse legato al fatto che per me valeva l’equazione:
investimento = scommessa!
Tutto quindi era collegato ai rischi degli investimenti, pensavo fosse qualcosa per una “elite”.

Tutto questo si basava su pure sensazioni non avvalorate da dati, ovviamente.

Molti libri e riviste hanno analizzato quest’argomento. Jeremy Siegel in “Stocks for the Long Run” credo sia riuscito in maniera molto efficace a riassumere tutto questo, nel blog Gurufocus trovate un interessante articolo a riguardo.

Per darci un’idea chiara di cosa vuol dire investire, Siegel ha analizzato le performace di vari asset per un periodo di tempo che va dal 1802 al 2012.

performance azioni vs obbligazioni vs azioni | guidaglinvestimenti.it

Andando a sintetizzare le performance, annualizzate e al netto dell’inflazione, di questi asset avremo:
– Azioni: +6.6%
– Obbligazioni: +3.6%
– Titoli del Tesoro USA (i nostri BTP): +2.7%
– Oro: +0.7%
– Dollaro Index*: -1.4%

*Per Dollaro Index si intede l’indice che misura l’andamento del biglietto verde su un paniere ponderato delle altre cinque più importanti valute al mondo

L’impatto negativo dell’inflazione sui propri capitali è stato discusso in un articolo precedente di cui ti riporto qui il link.

Con un solo grafico Siegel è riuscito a smentire molte delle mie passate convinzioni. Innanzitutto, sul lungo periodo quello che pensavo fosse un investimento sicuro, l’oro, si rivela essere uno strumento con performance deludenti.

Le azioni invece… se qualche mio avo avesse investito 1$ sull’azionariato Americano, nel 2012 si sarebbe trovato in tasca circa 700,000$ (al netto dell’inflazione).

Cosa è successo negli ultimi anni?

Credo che tutti, come me appena letto questi numeri, ora staranno facendo la stessa considerazione: vero, ottima performance, ma in 200 anni.. poco rappresentativa dei bisogni del singolo, che di certo non campa tutto questo tempo!

Uno studio fatto da Blackrock può aiutarci ad approfondire questo discorso.

Viene qui riportato le performance del S&P500, cioè l’indice che segue l’andamento di un paniere azionario formato dalle migliori 500 aziende statunitensi, dal 1940 al 2016.

Rischi degli Investimenti: Blackrockadvisor, andamento S&P500
Andamento S&P500 dal 1940 al 2016

Quello che balza subito all’occhio è che in questi anni ne sono successe parecchie: guerre, bolle tecnologiche, rivoluzioni…
Nonostante tutto ciò il trend è decisamente positivo.

Ci sono state, e ci saranno sempre, delle crisi che faranno crollare il mercato ma nel lungo periodo il mercato recupera e raggiunge nuovi massimi storici.

Questo concetto del lungo periodo viene sintetizzato molto bene nei grafici sotto.

Probabilità di subire perdite sul mercato azionario diminuisce all'aumentare dell'orizzonte d'investimento
S&P500 sul lungo periodo

In sintesi: se investissimo in un paniere di titoli che rappresenta il top del mercato americano per almeno 10 anni avremmo il 97.1% di possibilità di trarne un profitto. Percentuale che ovviamente aumenta con l’aumentare degli anni.

Il problema della volatilità

La controindicazione di tutto ciò è che dovremmo sopportare forti colpi psicologici dovuti alla volatilità nel breve periodo.

Il grafico in basso, preso da un famoso blog di finanza personale, Financial Samurai, vuole ribadire ancora una volta questo concetto.

Reasons to sell stocks chart, wall of worry
Rischi degli investimenti dal 2009 al 2017

Ho più volte detto che queste considerazioni valgono sul lungo periodo.

Questo presuppone che chi sceglie di fare questo tipo d’investimento sia consapevole del fatto che sta impegnando un capitale per un arco temporale di 5/10 anni. Non stiamo parlando di speculazioni di breve periodo.

Ciò vuol dire che la tipologia d’investimento e gli strumenti finanziari da utilizzare variano, oltre che in base alla propensione al rischio, anche per:

  • Necessità di liquidità nel breve
  • Età
  • Mindset

Proviamo a fare un esempio pratico

Ipotizziamo di investire seguendo 3 strategie relativamente rischiose, che presentano diversi livelli di performance e volatilità.

Se osserviamo i dati passati:

  • Rick Ferri Core Four –> alte performance, alta volatilità
  • Coffee House –> medie performance, media volatilità
  • Golden Butterfly –> basse performance, bassa volatilità

Ho riportato il graffico sotto per aiutare a confrontare performance e volatilità rispetto ad altri portafogli azionari.

Volatilità vs Performance di diversi portafogli d'investimento
Volatilità vs Performance di diversi portafogli d’investimento

Qui di seguito vi riporto la composizione dei vari portafogli per darvi un’idea più chiara.

Composizione portafoglio d'investimento di Rick Ferri
Rick Ferri Core Four – composizione
Composizione portafoglio d'investimento Golden Butterfly
Golden Butterfly- composizione
Composizione portafoglio d'investimento di Coffe House
Coffe House- composizione

Nei nostri calcoli ipotizziamo, inoltre, di:
– Non prelevare mai
– Reivestire tutti i guadagni ottenuti
– Ribilanciare il portafoglio anno per anno.

Quanto avrebbe reso un investimento di 10,000 dollari?

Cosa sarebbe successo se avessimo investito 10,000 dollari dal Gennaio 2008 ad Aprile 2020, e aggiungendo al capitale 100 dollari al mese?

Rischi degli investimenti: Andamento dei diversi portafogli d'investimento da Gennaio 2008 a Aprile 2020: Rick Ferri, Golden Butterfly, Coffe House | guidagli
Andamento dei diversi portafogli d’investimento da Gennaio 2008 a Aprile 2020

Su un totale di 24,800$ investiti nell’arco temporale definito avremmo ottenuto le seguenti performance.

PortafoglioPerformance
Rick Ferri$40,219 = +62%
Golden Butterfly$40,081 = +62%
Coffe House$39,222 = +58%
Tabella performance pre COVID – 19

Le performance indicate sopra tengono conto anche della recente crisi del Coronavirus.

Cosa sarebbe successo se invece avessimo deciso di terminare il nostro investimento a Dicembre 2019 (pre-crisi)?

Rischi degli investimenti: Andamento dei diversi portafogli d'investimento pre COVID -19 2020: Rick Ferri, Golden Butterfly, Coffe House
Andamento portafogli pre COVID – 19

Riproponendo lo stesso tipo di investimento di cui sopra vediamo i risultati ottenuti nella tabella in basso.

$10,000 +100$/mese = 24,800$
Rick Ferri$48,079 = +94%
Golden Butterfly$42,750 = +72%
Coffe House$45,788 = +85%
Tabella performance post COVID – 19

Al link trovate un riassunto molto interessante sulle performance di molti portafogli azionari, tra cui quelli sopra indicati da me.

Tra i vari dati riportati ho trovato utile riportare qui un riassunto delle performance di questi strumenti su diversi archi temporali.

Questo perchè, al solito, le performance vanno contrapposte ai rischi degli investimenti e volatilità.

Rick Ferri

Rischi degli investimenti: Perdite massime registrate con portafoglio d'investimento Rick Ferri
Rick Ferri perdita massima

Golden Butterfly

Rischi degli investimenti: Perdite massime registrate con portafoglio d'investimento Golden Butterfly
Golden Butterfly perdita massima

Coffee House

Rischi degli investimenti: Perdite massime registrate con portafoglio d'investimento Coffee House
Coffee House perdita massima

Vediamo quindi che con il portafoglio che ha ottenuto i migliori ritorni (Rick Ferri) abbiamo dovuto “digerire” anche le maggiori perdite sul breve periodo. A ribadire sempre il discorso che: alte performance = alti rischi e alta volatilità, non si scappa da questo dogma!

Alla lunga il mercato cresce sempre

Tutte le strategie di mercato si basano sul lungo termine perchè il mercato azionario cresce sempre alla lunga. Questo è un fattore molto importante quando si parla di rischi degli investimenti.
Ma quali sono le ipotesi alla base di questa teoria?

I principali motivi sono:
– Inflazione
– Popolazione in crescita
– Miglioramento tecnologico
– Selezione naturla delle imprese

Cerchiamo di analizzare in breve i punti sopra.

Inflazione: l’obiettivo delle istituzioni (come la BCE) è quella di mantenere l’inflazione quanto più possibile vicina al 2%. Come riportato al link.

Questo implica che i prezzi al consumo aumentano e, conseguentemente, i ricavi dell’aziende, ciò porta il prezzo delle azioni a salire

Popolazione in crescita: banalmente, più persone = più clienti

Perchè il mercato azionario cresce sempre? Crescita della popolazione mondiale
UN 2019 World Population Prospects

Miglioramento tecnologico: alcuni studi hanno dimostrato che c’è una correlazione tra numero di brevetti (indice legato all’avanzamento tecnologico) emessi dalle aziende appartenenti a S&P500 e l’andamento del prezzo dell’indice stesso.

correlazione brevetti vs S&P 500
Correlazione tra brevetti e prezzo delle azioni

Ciò può essere in parte spiegato con il fatto che l’aumento della produttività ed efficienza industriale è strettamente legato al progredire della tecnologia.

Selezione naturale delle imprese: S&P500 è l’indice delle 500 migliori aziende del mercato USA. Al seguente link trovate maggiori informazioni riguardo il criterio di selezione:

Questo significa che Standard & Poor’s taglia ogni azienda che non rispetta dei requisiti molto stringenti (dal 1963 a oggi ciò è successo più di 1000 volte).

In conclusione

Storicamente i rischi degli investimenti sono legati eventi che caratterizzano il breve periodo, quindi: prima si investe meglio è!

Inoltre, nessuno di questi portafogli di investimento batte il mercato, come si può notare dai grafici sotto.

Perchè è importante investire i propri risparmi? Rick Ferri portafoglio investimento vs S&P500 pre COVID19
S&P500 vs Rick Ferri pre COVID – 19
Perchè è importante investire i propri risparmi? Rick Ferri portafoglio investimento vs S&P500 post COVID19
S&P500 vs Rick Ferri post COVID – 19

Credo che quanto fatto sia un esercizio interessante per mettere in pratica quanto imparato e per iniziare ad avere un’idea di cosa potersi aspettare qualora decidessimo di applicare quanto imparato nella vita reale.

Ti è piaciuto questo articolo? Aiutaci a crescere! Condividilo sui social:

Questo articolo ha un commento

  1. Davide

    Bella sintesi! Chiara e ben documentata

Dicci la tua lasciando un commento!