Tempo di lettura: 7 minuti

Quanto posso pensare di guadagnare investendo in borsa

Gli italiani hanno paura di investire, preferiscono la mattonella a qualsiasi strumento finanziario. Sono ancorati a quelli cher erano gli strumenti finanziari dei nostri nonni e non hanno idea di quanto si possa guadagnare investendo correttamente in borsa.

Questo porta a una perdita certa di potere d’acquisto dato dall’inflazione che aumento del 2% circa l’anno.
Quando noi confrontiamo ciò che potevamo comprare quando c’erano le lire rispetto a quello che possiamo comprare oggi con l’euro in realtà stiamo considerando l’aumento dei prezzi al consumo dato dall’inflazione.

Tutto ciò per dire: è importante investire per quantomeno preservare il nostro potere d’acquisto. Ma quanto possiamo ragionevolmente guadagnare investendo in strumenti finanziari?

Costo della vita

Partiamo da ETF puramente azionari

Ho più volte descritto i benefici degli ETF (Exchange Traded Found, ossia fondi che replicano indici e non solo), in particolare: bassi costi e alta diversificazione.

Per capire quanto possiamo guadagnare con gli investimenti prendiamo ad esempio un ETF azionario che replica uno degli indici più famosi: MSCI World.

MSCI World racchiude i titoli azionari di 23 paesi sviluppati di tutto il mondo.

Investendo in un ETF che ha come riferimento questo indice otteniamo quindi alta diversificazione sia in termini di settori che in termini di distribuzione geografica.

Quanto posso guadagnare investendo in MSCI World
Indice MSCI World

Per avere un’idea ancora più chiara di cosa significa investire in uno strumento legato all’indice MSCI World ho riportato nel grafico in basso le maggiori azioni di cui questo è costituito: stiamo in pratica dicendo che comprare un ETF del genere implica avere nel proprio portafoglio il 3.82% di azioni Apple.

Top 10 azioni MSCI World
Top 10 azioni MSCI World

Se nel nostro portafogli avessimo avuto solo questo strumento, quindi 100% azionario, quanto avremmo potuto guadagnare investendo unicamente in esso?

Quali sono le potenzialità di futuro guadagno osservando i dati storici?

In un report di MSCI ci viene mostrato in maniera molto chiara.

Se avessimo investito 100 euro nel Giugno del 2005 a Giugno del 2020 avremmo portato a casa 259 euro lordi.
Ricordiamo sempre che a questo vanno aggiunti costi (TER 0.2%) e tasse (26%).

Performance MSCI World
Performance MSCI World

Avendo quindi un portafoglio al 100% azionario abbiamo avuto alte performance ma anche alta volatilità. Ad esempio nel 2008 avremmo dovuto accettare una perdita del 40%.

Questo vuol dire che chi accetta di fare questo tipo di investimento deve avere pazienza. Investendo in uno strumento del genere dobbiamo tener presente che ci stiamo proiettando a un arco temporale di 10 anni.

Storicamente, infatti, le probabilità di andare in negativo investendo in azioni dopo 10 anni si riducono drasticamente.

Probabilità di perdite diminuiscono investendo per un tempo maggiore
Probabilità di perdite diminuiscono investendo per un tempo maggiore

Per chi volesse avere un’idea di come è andato nello specifico l’indice MSCI AC World – che rispetto al MSCI World include azioni non solo dei mercati sviluppati ma anche di quelli emergenti, i.e Brasile, India ecc.. – vi riporto di seguito la tabella prasa dal blog Investment Moats.

Performance Indice MSCI AC World Index
Performance Indice MSCI AC World Index

Quello che si nota subito è che: dal 1988 in poi chi avesse investito per almeno 15 anni in MSCI World non avrebbe mai avuto ritorni negativi.

Di seguito trovate, invece, altri esempi che mostrano ancora come indici puramente azionari dopo 10 anni raramente hanno ritorni negativi.

Analisi divesri indici MSCI
Analisi diversi indici MSCI

Più si è avanti con l’età, però, e più non possiamo permetterci di avere queste perdite.

Ecco che quindi per abbassare la volatilità è una buona prassi cambiare il proprio portafoglio aggiungendo ad esempio obbligazioni.

Quindi, investendo in strumenti legati a MSCI World possiamo pensare di guadagnare anche il 30% in un anno accettando però perdite che possono arrivare al 40% in un anno.

Come investire in ETF? E’ davvero semplice:

  • Identificate il broker a cui vi volete affidare (ad esempio Degiro)
  • Su JustETF identificate l’ISIN dell’ETF che si vuole acquistare, qui di seguito trovate il caso per MSCI World

Procedete poi con l’acquisto seguendo gli step indicati in quest’articolo.

Investire in un portafoglio 50/50

Gli italiani non sono avvezzi al rischio, quindi un portafoglio caratterizzato da una così alta volatilità potrebbe causare più di qualche pensiero.

Proviamo quindi a capire cosa vuol dire avere una parte di portafoglio in obbligazioni.

A tale scopo usiamo l’esempio riportato da JustETF. Questo confronta l’andamento di 2 portafogli in 20 anni.

Primo portafoglio: 100% Azionario (ETF MSCI World)

Come nell’esempio precedente, è composto unicamente da un ETF azionario legato all’indice MSCI World.

Quanto posso guadagnare investendo in portafoglio 100% MSCI World
Portafoglio 100% MSCI World

Se nel 1996 avessimo investito 10,000 euro in un portafoglio del genere, senza compiere ulteriori azioni nel corso degli anni, dal nel 2016 ci saremo trovati con 43,875 euro:

un rendimento medio annuo del 7.7% ma con una perdita massima che ha raggiunto anche picchi del 50%.

Secondo portafoglio: 50% azionario (ETF MSCI World) e 50% obbligazioni (bond tedeschi)

Consideriamo ora un portafoglio che includa una parte obbligazionaria. Passiamo quindi da un 100% azionario a un 50/50 tra azioni e obbligazioni.

In particolare consideriamo il caso di investire in titoli di stato tedeschi e di ribilanciare il portafoglio ogni anno in modo da avere sempre la stessa esposizione del 50/50.

Quanto posso guadagnare investendo in 50% MSCI world 5% Titoli di stato tedeschi
Portafoglio 50% MSCI World 50% Titoli di stato tedeschi

Le cose cambiano:

  • Gli anni con ritorni negativi si dimezzano, il portafoglio 50/50 ha restituito un rendimento annuale negativo solo 3 anni contro i 6 del portafoglio azionario
  • Il rendimento annuo si abbassa dal 7.7% del caso precedente al 7% del caso 50/50
  • La perdita massima raggiunta è del 24% circa, contro il 50% del portafoglio azionario

Quanto è possibile guadagnare investendo in portafogli con diversi profili di rischio?

JustETF ci riporta anche un’interessante tabella in cui confronta le performance di portafogli caratterizzati da diverse percentuali di azionariato e obbligazionario.

L’esempio viene fatto investendo 10000 €:

Performance portafogli con diverse % azioni/obbligazioni
Performance portafogli con diverse % azioni/obbligazioni

Nella tabella si passa da un 5% di un portafogli obbligazionario a un 7.7% di quello azionario: il 2,7 percento potrebbe sembrare poco, ma l’incidenza dell’interesse composto genera un guadagno in 20 anni di circa 17000 € per l’obbligazionario, ma di quasi il doppio (33000 €) per l’azionario. Con perdite temporanee molto basse per l’obbligazionario (-5% circa) a fronte di un -53,7 % del’azionario.

Sempre il solito discorso: maggiori rischi = maggiori rendimenti e viceversa.

Inoltre, maggiore è la percentuale di obbligazioni e minore è il tempo di esposizione che dobbiamo considerare.

Ossia: avendo una percentuale maggiore di obbligazioni minore è il tempo che dobbiamo considerare per sperare in un ritorno positivo.

Per avere un esempio pratico riporto qui una tabella presa da A Wealth of Common Sense. In questo esempio vengono riportati indici USA: S&P500 e Bond a 5 anni USA in un arco temporale che va da 1926 al 2020.

Per diminuire la volatilità occorre una maggiore % di obbligazioni
Per diminuire la volatilità occorre una maggiore % di obbligazioni

Storicamente, quindi, con un portafoglio 50/50 si ha avuto un profitto dopo 5 anni nel 95.5% dei casi, dopo 10 anni nel 100%.

Quanto avremmo guadagnato investendo copiando alcuni famosi portafogli?

Non esistono solo azioni e obbligazioni: gli strumenti finanziari e gli asset su cui si può investire sono infiniti.

Si possono infatti avere:

  1. Azioni, Obbligazioni, REIT (Real Estate Investment Trust), Commodities (Materie Prime)
  2. Indici, ETF, Mutual Funds (Fondi Comuni d’Investimento), Hedge Fund (Fondi Speculativi)
  3. Diverse industrie e settori
  4. Specifiche aziende all’interno di un determinato settore
  5. Diverse aree geografiche

I principali portafogli d’investimento presenti in letteratura si basano proprio su un’ampia diversificazione.

guadagnare investendoin un portafoglio investimento diversificato
Diverse tipologie di portafogli

L’obiettivo di questi portafogli è sempre quello di guadagnare investendo e tenendo un occhio al bilancio ottimale tra volatilità e performance.

Grazie al blog Fourpillarfreedom riusciamo ad avere graficamente un riassunto semplice che ci permette di capire come hanno reso storicamente questi portafogli in termini di performance e volatilità.

Guadagnare investendo in diversi portafoglio investimento diversificato
Performance dei diversi portafogli

La prima cosa che notiamo è che dal 1970 ad oggi nessun portafoglio d’investimento diversificato batte il mercato (“Total Stock Market”).

D’altra parte, è quello che ci saremmo aspettati: tutti i dati storici che abbiamo visto fin’ora vanno in questa direzione.
Non dimentichiamo, però, che il fine della diversificazione è abbassare la volatilità del proprio portafogli.

Questo risulta ancor più chiaro osservando l’elevata volatilità di S&P 500 nei brevi timeframe.

Andamento S&P500 dal 1926 al 2018
S&P500, giorni positivi vs giorni negativi

In conclusione

Lo ripeto: non investire equivale perdere potere d’acquisto sicuramente.

Spero di avervi dato un’idea dei rendimenti che potete attendervi qualora decideste di investire, e un riferimento di quanto dovreste aspettarvi dal vostro investimento.

Esistono davvero molti tipi ti portafogli, con diverse allocazioni e adatti a ogni tipologia di investitore.

Quanto posso guadagnare quindi investendo?

La risposta come al solito è: dipende.

Dipende dal tipo di rischio che vogliamo prenderci e dalle nostre esigenze. In quest’articolo ho voluto comunque dare evidenza che rendimenti lordi del 5% non sono utopistici e non sono per nulla difficili da replicare.

Basta un conto in un broker e un paio di ETF.

Nel 2020 tutti siamo in grado di poter replicare questo tipo di investimento. Qualora non volessimo sbatterci troppo la testa, esistono sempre i consulenti finanziari indipendenti e le varie piattaforme fintech come Moneyfarm.

Non rimaniamo fossilizzati ai rendimenti dei BTP, dei conti postali o dei conto deposito! Esistono davvero tante opportunità che possono regalarci tante soddisfazioni, basta sole capire come guadagnare investendo in modo corretto.

Ti è piaciuto questo articolo? Aiutaci a crescere! Condividilo sui social:

Dicci la tua lasciando un commento!