Tempo di lettura: 4 minuti

Come replicare un portafoglio di successo

In un precedente articolo ho evidenziato l’importanza di avere un portafoglio d’investimento diversificato.
Esistono in letteratura diversi portafogli che sono diventati dei capisaldi nel mondo finanziario.
Portafogli caratterizzati da diverse esposizioni e diverse performance/ rischi.
Il portafoglio Golden Butterfly è uno di questi.

Credo sia interessante andarlo ad analizzare per capire cosa c’è dietro e cosa ci si possa aspettare qualora decidessimo di copiarlo.

Performance dei portafoglio investimento diversificato rispetto al mercato
Performance dei diversi portafogli

Asset all’interno del Portafoglio Golden Butterfly

Il portafoglio Golden Butterfly è composto dal:
– 40% Azioni
– 40% Obbligazioni
– 20% Oro

In modo particolare abbiamo una pari suddivisione di:
– Azioni USA piccola capitaliazzazione
– Azioni USA grande capitalizzazione
– Oro
– Obbligazioni USA lunga scadenza
– Obbligazioni USA breve scadenza

Portafoglio Golden Butterfly
Portafoglio Golden Butterfly

Volendo replicare pedissequamente questo portafoglio con esposizione rivolta quasi interamente al mercato USA possiamo usare la tabella in basso. All’interno della tabella sono riportati gli ETF che occorrono per investire in un portafoglio del genere con i codici ISIN di riferimento.

NOME ETFCODICE ISINPERCENTUALE
iShares MSCI USA UCITS ETF (Acc)IE00B0M62Q5820%
SPDR MSCI USA Small Cap Value Weighted UCITS ETFIE00BSPLC41320%
iShares USD Treasury Bond 20+yr UCITS ETF USD (Acc)IE00BFM6TC5820%
iShares USD Treasury Bond 1-3yr UCITS ETF (Acc)IE00B3VWN17920%
ETFS Physical GoldJE00B1VS377020%
Portafoglio Golden Butterfly – ETF

Come è andato storicamente questo portafoglio?

Andando ad analizzare i dati di Portfolio Charts e di Lazy Portfolio ETF possiamo capire rapidamente la potenza del portafoglio Golden Butterfly.

Partiamo con i rendimenti.

Dal 1978 a oggi questo portafoglio ha avuto un rendimento annualizzato del 10% circa. Ciò significa che 1,000 euro investiti nel 1978 sarebbero diventati circa 60,000 euro. A questo vanno poi sottratte spese, tasse e inflazione.

Crescita capitale - Portafoglio Golden Butterfly
Crescita capitale – Portafoglio Golden Butterfly

Volendo analizzare il rendimento del portafoglio al netto dell’inflazione dal 1970 ad oggi vediamo che il rendimento medio passa al 6.4% annuo. Cosa interessante da analizzare è che questo portafoglio, nel periodo preso in considerazione, per il 18% delle volte ha chiuso l’anno in negativo.

Frequenza Performance annue
Frequenza Performance annue

Ancora più interessante è notare come questo portafoglio abbia costantemente restituito una performance positiva dopo 10 anni di investimento. Nei peggiori dei casi, infatti, ha avuto un 4% medio annuo.

Performance dopo 10 anni
Performance dopo 10 anni

Infine, l’allocazione del 20% in oro ha permesso di avere perdite massime contenute. Ad esempio il giorno peggiore durante il crollo relativo al coronavirus è stato del 7% circa.

Maggiori Perdite
Maggiori Perdite

Un articolo di Seekingalpha ci permette, infine, di confrontare questo portafoglio con altri. Come ci aspettiamo, l’azionario puro permette di avere rendimenti più alti, tuttavia il Golden Butterfly ha garantito in passato performance stabili.

Portafoglio Golden Butterlfy vs altri portafogli
Portafoglio Golden Butterlfy vs altri portafogli

Portafoglio Golden Butterfly con esposizione globale

Questo portafoglio è davvero molto interessante.

L’unica cosa che non mi fa impazzire è la forte esposizione verso il mercato USA. Come detto in precendenza, la diversificazione in un portafoglio è basilare per limitare i rischi anche se a discapito dei rendimenti.

Una proposta molto interessante a tal proposito è quella riportata da Filippo Angeloni all’interno del suo blog, proposta che vi riporto nella tabella in basso.

NOME ETFCODICE ISINPERCENTUALE
SPDR MSCI World Small Cap UCITS ETFIE00BCBJG56020%
iShares Core MSCI World UCITS ETF USD (Acc)IE00B4L5Y98320%
Invesco Physical Gold AIE00B579F32520%
Xtrackers Global Sovereign UCITSLU090850873140%
Portafoglio Golden Butterfly – ETF World

Come si sarebbe comportato questo portafoglio rispetto “all’originale”?

In termini di performance non c’è storia.

Il portafoglio Golden Butterfly USA dal 2004 a oggi ha reso più anche del MSCI World (9.23% contro l’8.11% annuo dell’azionario puro ). Il Golden Butterfly esposizione mondiale ha reso meno tra i 3 portafogli presi in esame, fermandosi a un 8.11% annuo.

MSCI World vs Golden Butterfly USA vs Golden Butterlfy World - Crescita capitale
MSCI World vs Golden Butterfly USA vs Golden Butterlfy World – Crescita capitale

In termini di perdite massime, invece, vediamo come l’azionario puro mondiale ha visto picchi anche del -50% circa.

Il Golden Butterfly esposizione mondiale invece è risultato essere quello meno volatile, come ci aspettavamo. Ha infatti registrato una perdita massima del 9.5% contro un 13% circa del Golden Butterfly USA.

MSCI World vs Golden Butterfly USA vs Golden Butterlfy World - Perdite massime
MSCI World vs Golden Butterfly USA vs Golden Butterlfy World – Perdite massime

Per capire bene i vantaggi/svantaggi di un portafoglio con esposizione globale rispetto a uno con esposizione USA riporto qui una tabella riassuntiva delle performance.

PortafoglioCapitale InvestitoGuadagnoCAGRDeviazione Standard
MSCI World10,000 euro33,475 euro8.11%13.33%
Golden Butterfly USA10,000 euro39,275 euro9.23%8.96%
Golden Butterfly World10,000 euro31,412 euro7.66%7.33%
MSCI World vs Golden Butterfly USA vs Golden Butterlfy World

In conclusione

Insomma, questo il portafoglio Golden Butterfly può essere un’altra valida idea d’investimento per chi decidesse di investire autonomamente senza l’ausilio di consulenti vari.

Come sempre, le perfomance passate non sono garanzia di performance future.

Tuttavia ci possono aiutare a capire come potrebbe comportarsi un portafoglio del genere di fronte a diverse circostanze o cicli economici (vedi crisi finanziaria del 2008 o coronavirus 2020).

Esistono diversi tipi di portafogli e tutti diversi tra di loro, sta all’attitudine della persona e alle singole esigenze capire su cosa protendere.

Ti è piaciuto questo articolo? Aiutaci a crescere! Condividilo sui social:

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. EV

    Nel GB World nella tabella il Xtrackers Global Sovereign UCITS deve essere al 40%. saluti

Dicci la tua lasciando un commento!